Ciao a tutti,

Questo è un caso di depressione di cui sono lieto di essermi occupato. È degno di essere studiato perché mette in evidenza i valori della persistenza così come il ruolo vitale che la nutrizione a volte gioca. Come vedrete, ciò che uno mangia o beve può letteralmente causare la depressione.

Abbracci, Gary


Nota importante : Questo articolo è stato scritto prima del 2010 ed è ormai superato. Si prega di utilizzare il mio più recente progresso, Official EFT. È più efficiente, più potente.
Cordiali saluti, Gary Craig


Louella, 41 anni, ha sofferto di gravi attacchi di depressione dall’età di 9 anni. Quando la vidi per la prima volta, aveva istinti suicidi. Le lacrime arrivavano facilmente e “senza speranza” sembrava essere la sua parola preferita. Dopo alcuni rounds di EFT, le lacrime si sono placate e la depressione è scesa da un 10 a un 6. C’è stato anche un sorriso o due. Ma era tutto quello che potevamo fare. Disse che era esausta (questo si rivelò essere un indizio del suo problema, dato che le sensibilità alle sostanze tendono a indebolire l’energia) e andò a dormire per 4 ore. Di solito dormiva circa 15 ore al giorno, in parte perché era così esausta e in parte perché era una fuga dal mondo.

Quando Louella si è svegliata si sentiva “un po’ meglio”. Vive a 2 ore di distanza e l’ho invitata a usare la camera degli ospiti in modo da poter fare più EFT quel giorno e di nuovo il giorno dopo. Lei accettò e cominciammo ad fare EFT per il suo mal di schiena (che si placò) e la sua asma (che se ne andò e non tornò più, anche se prima richiedeva farmaci quotidiani). Inoltre, applicammo l’EFT a 3 ricordi traumatici che erano chiari candidati come cause profonde della sua depressione. L’EFT li ha gestiti in modo piuttosto ordinario e anch’essi non sono più tornati.

Nel corso delle settimane successive, e anche nei suoi momenti più depressivi, poteva ancora parlare di questi eventi senza lacrime o disturbi emotivi. Lasciò quella prima seduta ad un livello di SUDs [intensità 0-10] di 4 o 5, che lei pensava fosse un grande miglioramento. Io, però, non ero affatto contento, perché mi aspettavo che il tutto si risolvesse. Tale era stata la mia precedente esperienza.

Abbiamo parlato al telefono due giorni dopo e la sua depressione era tornata a pieno regime. I ricordi traumatici e l’asma, tuttavia, non erano più problemi. Tornò ogni settimana per altre 5 sedute di 24 ore e, ad ogni visita, facemmo EFT per altri ricordi traumatici e altri eventi della sua vita (15 o 20 in tutto – ho perso il conto) e TUTTI andarono a zero e non tornarono. Ciononostante, ogni volta arrivava con la sua depressione a un livello di 8-10 e se ne andava con un livello di 4-6. Il tapping era, apparentemente, solo un aiuto temporaneo per il problema principale – la depressione.

Dopo centinaia di casi con l’EFT, posso dire con sicurezza che le mie aspettative di successo sono di solito soddisfatte A MENO CHE non ci sia un’interferenza tossica con il sistema energetico. Una volta che la sensibilità viene localizzata ed eliminata, allora il problema diventa facile da gestire con EFT. Louella, come si è scoperto, aveva una nota sensibilità allo zucchero. Inoltre, aveva alcune tendenze ereditate su questa linea, dato che sua madre e altri parenti erano sensibili a una varietà di cibi e altre sostanze.

Nel caso di Louella, le chiesi di prestare attenzione alle sue emozioni e, quando queste diventavano particolarmente acute, di notare cosa fosse appena successo nel suo mondo. Si era appena cambiata d’abito, aveva usato il sapone o si era lavata i denti? Cosa aveva appena mangiato o bevuto che poteva aver contribuito al suo stato emotivo? Teneva un diario meticoloso di tutto ciò che succedeva a questo proposito, ma non era in grado di identificare nulla. La depressione persisteva. Infine, durante la nostra sesta sessione settimanale, un pomeriggio si sentiva relativamente bene (circa un 4) ma poi mangiò una mela coltivata commercialmente (non biologica). In pochi istanti sperimentò un’ansia estrema (al limite del panico) e la sua depressione era a 10. Divenne molto stanca e andò nella sua stanza e dormì per 4 o 5 ore. Per me, si è comportata come se avesse preso una droga.

Quando si svegliò, si sentiva meglio e passammo la serata a parlare e a fare EFT. Verso le 8 del mattino seguente, la svegliai per scoprire che si sentiva “bene” (circa un 6). Poiché non sapevo con certezza se quella mela fosse il vero colpevole, le chiesi di mangiarne un’altra. Ha accettato con riluttanza e ho preso una mela dalla stessa borsa della mela originale. In pochi minuti era di nuovo ansiosa. Poi si è assopita (drogata?) e ha dormito per altre 4 o 5 ore.

Mentre era evidente che qualcosa in quella mela le dava fastidio, non sapevamo se fosse la mela stessa o qualche pesticida che poteva esserci dentro. Così abbiamo stabilito una “Dieta Detective” (il nome che le ho dato) per determinare quali alimenti potessero contribuire al suo problema. Doveva mangiare SOLO cibi biologici (per eliminare i pesticidi dall’equazione) e poteva mangiare solo un cibo alla volta e doveva aspettare un’ora tra un cibo e l’altro. Poi teneva un diario dei cibi che mangiava e di ogni reazione che aveva ad essi. La bellezza di questa dieta è che isola gli alimenti in modo da poter guardare indietro e notare se c’è qualche legame tra ciò che uno mangia e le sue reazioni emotive.

È interessante notare che nessuno degli alimenti sembrava darle fastidio, tranne il grano integrale. Tendeva a renderla un po’ sonnolenta, ma niente di grave. Tuttavia, dal momento in cui ha iniziato la dieta, la depressione ha cominciato a diminuire e in 24 ore era sparita. Questo accadeva 5 settimane fa. Da allora ha dormito normalmente, ha fatto lunghe escursioni con gli amici, si è divertita a ballare ed è appena tornata da due settimane in Spagna. DA ALLORA NON C’È STATO ALCUN SEGNO DI DEPRESSIONE. È stato uno zero assoluto.

Possiamo sospettare, naturalmente, che i pesticidi siano i colpevoli. Dopo tutto, era l’unica cosa cospicuamente assente dalla sua dieta. Se è così, non sappiamo quali pesticidi siano colpevoli, almeno non ancora. Ma va bene così. Possiamo scoprirli con un simile processo di eliminazione. Tuttavia, a meno che non ci sia un grande bisogno di sapere, perché preoccuparsi? Perché non rimanere sulla dieta pura e smettere di avvelenarsi con pesticidi e altri residui estranei? Abbiamo più lavoro investigativo da fare qui. E’ un caso ancora in corso, col tempo si farà di più. Ma, per ora, Louella è perfettamente felice di mantenere le cose come stanno.

Ora ecco un punto affascinante. COSA ha mangiato Louella potrebbe non essere l’unica cosa che ha causato il suo stato depressivo. Quanto spesso ha mangiato potrebbe anche essere stato importante. La sorella di Louella (che ha l’ipoglicemia, un problema di zucchero nel sangue) le ha prestato un dispositivo per auto-testare i suoi livelli di zucchero nel sangue. Ha testato il suo sangue ripetutamente durante il giorno e ha scoperto che, quando è depressa, il suo livello di zucchero nel sangue spesso si abbassa pericolosamente. Come si è scoperto, Louella era ipoglicemica. Siccome la “Dieta Detective” le faceva mangiare piccole quantità costantemente durante il giorno, la sua glicemia veniva mantenuta a livelli accettabili e quindi i sintomi ipoglicemici (depressione?) venivano tenuti a bada.

Sono un ingegnere di formazione accademica e non pretendo di essere un esperto in medicina o nutrizione. Tuttavia, riconosco l’evidenza scientifica quando la vedo. Per me è chiaro che l’ipoglicemia, i pesticidi o entrambi meritano un giro di “buu” e fischi per quanto riguarda lo stato depressivo di Louella. L’esaurimento che sentiva era coerente con qualcuno che era stato drogato (da pesticidi?) e/o soffriva di ipoglicemia. Con questi due colpevoli fuori dai piedi, la depressione non compare. Tuttavia, è anche un’assurdità scientifica generalizzare da un caso come questo e dire che tutte le depressioni sono dovute ai pesticidi e/o al basso livello di zucchero nel sangue. Ci vogliono molte casistiche per sostenere una tale conclusione.

Come si è scoperto, c’è già il supporto per il legame tra dieta e disturbi emotivi. Il fenomeno è noto da oltre 20 anni e quindi non è affatto nuovo. Louella ha studiato avidamente questo argomento e ha portato alla mia attenzione diversi libri che indicano la dieta (in particolare i pesticidi e il basso livello di zucchero nel sangue) come causa di molti disturbi emotivi (inclusa la schizofrenia). Uno di questi libri, PsychoNutrition, è stato scritto nel 1976 da Carlton Fredericks, Ph.D. Se siete interessati, la copia che ho dà il numero di catalogo della Biblioteca del Congresso come 75-16863, ISBN: 0-448-12000-3.

Dovete anche sapere che Louella è stata sempre avvisata che io non sono un terapeuta né un medico e, laddove lei lo ritenesse necessario, dovrebbe consultare professionisti di questi campi.

Abbracci a tutti, Gary

Follow-up di due anni

Louella mi ha chiamato due anni dopo per dirmi che la sua depressione è rimasta lontana, tranne un paio di brevi occasioni in cui ha avuto “problemi con il fidanzato”. Anche allora, non era veramente depressione. Solo un caso di “depressione temporanea”.

Scopri il Tutorial di EFT Ufficiale di Gary Craig : clicca qui.

Questo articolo ti è piaciuto? Condividilo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su